p5rn7vb

DEBITO SALDATO. ANCHE QUELLO ECONOMICO

gen 04, 2011 00:00 No Comments by

Nell’intervista rilasciata a Piovani, Pietro Leonardi dichiara “chiuso quasi definitivamente il danno incredibile della retrocessione in B”
ghirardi morrone debito saldatoDell’intervista di Sandro Piovani a Pietro Leonardi, pubblicata ieri  dalla Gazzetta di Parma, l’aspetto che mi ha colpito di più non è certo legato all’apertura o chiusura delle operazioni nel così detto mercato di riparazione (lo scorso anno più volte definito dall’AD anche “mercato dei disperati”) da parte del club crociato – dopo gli arrivi di Calvo, Modesto e Palladino, che, come già anticipato nel post delle ore 22 saranno presentati oggi, martedì 4 gennaio alle 15.30 al Tardini, e dopo le partenze di Antonelli e Paloschi – quanto l’ammissione da parte del Plenipotenziario che il maxi-cambio con il Genoa non aveva solo una valenza tecnica, ma anche economica e che grazie a questa entrata (valutabile tra i 7 e gli 8 milioni di euro) il Parma “ha chiuso quasi definitivamente il danno incredibile della retrocessione in serie B”. Insomma, per parafrasare lo slogan fatto stampare sulle t-short distribuite a Cittadella: Debito Saldato. Anche quello economico…
(Continua all’interno)

leonardi piovani 03 01 2011Spesso, nelle sue conversazioni con i suoi colleghi al calciomercato, oppure con i giornalisti, l’Amministratore Delegato ha parlato dei danni incalcolabili per le casse del Parma causati dalla retrocessione, le cui ripercussioni si sarebbero fatte sentire anche nelle stagioni a venire. Mi verrebbe da aggiungere, all’evidente mancato introito per i diritti televisivi e per una generale svalutazione dovuta al declassamento, anche i cospicui investimenti fatti per mantenere – per precisa, generosa, volontà del presidente Ghirardi – calciatori con ingaggi da serie A (e non tutti di fascia bassa, vedi C. Lucarelli, tanto per citarne debito saldato secchiouno) anche nel campionato di B, e pure i potenziamenti della rosa nelle stagioni successive per “mantenere la categoria”, condizione indispensabile per poter dare continuità al progetto. Cito a memoria solo alcuni dei sacrifici cui il Parma è stato costretto nel tempo – per evidenti motivi di carattere economico – partiamo dalle cessioni della metà di Cigarini e Dessena, proprio poco prima del campionato di B: grazie al loro trasferimento la società crociata avrebbe potuto trovare (parte) del denaro necessario per la gestione corrente dell’annus horribilis. debito saldato budel reginaldo paciTeoricamente i due avrebbero dovuto fare ritorno alla base con la promozione in A, ma poi si preferì (o si dovette) monetizzare anche la seconda parte del cartellino anziché riprendersi la prima. A Gennaio dello scorso anno, poi, come già ebbi modo di scrivere la scorsa settimana commentando le “analoghe” cessioni di Antonelli e Paloschi, le casse bisognose di liquidità fecero finire sul mercato Mariga, che non andò al Manchester come si pensava bensì all’Inter, (per un valore sostanzialmente pari, considerate, però, anche le contropartite tecniche, leggesi Biabiany poi debito saldatoceduto a fine stagione) e la proprietà, al fine di mantenere un corretto andamento economico-finanziario, fu costretta ad una cospicua ricapitalizzazione. La maxi operazione con il Genoa l’ha ricostruita stamani lo stesso Leonardi sulla Gazzetta, quindi copio-incollo direttamente le sue farsi al riguardo: «Quando ci siamo resi conto di poter ottimizzare sia l’obiettivo del miglioramento del settore avanzato oltre che la parte eco­nomica, dopo i danni lasciati dal­la retrocessione, abbiamo chiuso la trattativa. E posso dire che questa operazione ha chiuso qua­si definitivamente il melli debito saldatodanno incre­dibile della retrocessione in serie B. E perciò da qui può ripartire il Parma, con più serenità e slancio. In più abbiamo consegnato al nostro allenatore quegli elementi che ritenevamo importanti per il Parma… Dopo l’operazione appe­na conclusa si è dato un respiro notevole al Parma e al suo futuro: questo bisogna dirlo chiaramen­te ai maglia debito saldatonostri tifosi. Del resto ave­vamo sempre anticipato che in queste due stagioni (2009-’10 e 2010-’11 ndr) dovevamo mante­nere la categoria. E per farlo ci siamo dovuti privare anche di pe­dine importanti. Ora però dicia­mo che ripartiamo da 0-0». Insomma, Debito Saldato. Il tempo delle vacche magre è finito (o meglio terminerà a fine stagione), quando le operazioni in entrata ed in uscita non saranno più condizionate, come prima (e adesso), dai postumi della serie B. Così sentenziò Leonardi a Piovani. (gabriele majo)
Le immagini “Debito saldato” sono tratte dal volume Parma In A – Mup Editore

Senza categoria

About the author

The author didnt add any Information to his profile yet
No Responses to “DEBITO SALDATO. ANCHE QUELLO ECONOMICO”

Leave a Reply