IL BACO DEL SISTEMA

Inutile vietare la vendita ai residenti di una certa zona, se la residenza non risulta tra i dati inseriti nell’elaboratore centrale

Archimmagine -13-DSC_5056Nei giorni scorsi, nei vari articoli analisi che abbiamo proposto dopo l’alta tensione in Parma-Sampdoria, avevamo indicato come “Baco del sistema” la vendita di circa 150 biglietti a tifosi residenti in Liguria – la maggior parte dei quali emessa a Parma da una tabaccheria in zona Orsoline, ma non è stata l’unica – nonostante fosse vietata la medesima per il noto provvedimento firmato dal Prefetto, che ha ricevuto l’opportuna richiesta dal Questore (nella foto qui a lato di Franco Saccò, Archimmagine, insieme al Teatro Regio per Sport Civiltà) , il quale non aveva avuto nulla da eccepire sulla proposta formulata al riguardo dal CASMS su indicazioni dell’Osservatorio per le Manifestazioni Sportive. Abbiamo più volte manifestato il nostro dissenso su un provvedimento insulso, anzi nocivo, prima e dopo l’evento: in questa sede vorremmo, però, evidenziare l’assoluta inefficacia tecnica di tale restrizione… (segue all’interno)

SAM_6436Ci siamo interrogati su come poteva essere possibile che gli elaboratori di Lottomatica o del Centro Interforze di Napoli non fossero riusciti a “filtrare” questa vendita non autorizzata di biglietti, dal momento che in questa occasione sono stati emessi ben 150 titoli a nome di individui che non avrebbero potuto acquistarli, poiché residenti in Liguria. Ci siamo documentati e la risposta è banalmente semplice: la residenza non risulta tra i dati richiesti dall’elaboratore centrale, che si accontenta delle generalità, nome-cognome-data e luogo di nascita. Ma, appunto, non SAM_6437richiede la residenza. A questo punto l’uomo di buon senso potrebbe pensare che è inutile vietare la vendita ai residenti di una certa zona, se la residenza non risulta tra i dati inseriti nell’elaboratore centrale. In sostanza non esiste una possibilità tecnica, automatica – chiamatela come volete – per impedire la vendita del ticket a chi risiede in una zona interdetta: deve essere un essere umano (nel caso specifico il tabacchino-Orsolino e i suoi colleghi) a verificare, documenti alla mano, se chi richiede detto titolo di accesso può SAM_6438acquistarlo o meno. Posto che personalmente sarei anche favorevole al ritorno del bigliettaio sul filobus – come quando ero bambino, mettendo al bando le obliteratrici, con indubbi vantaggi occupazionali (chissà se alla Tep in questi giorni hanno tempo e voglia di pensarci…) – è mai possibile che nel 2010, quasi 2011, ci si debba fidare, per questa pratica di concetto, dell’essere umano con tutte le debolezze che questi può avere? No, dico, perché, ad esempio, se ti si presentassero davanti alcuni energumeni che mica tanto SAM_6447Agentilmente ti mettono davanti una lista di nomi dicendo di emettere dei biglietti, ignorando il dettaglio di verificare la residenza di chi li deve ricevere, tu povero esercente, cosa faresti? Ti opporresti con tutte le tue forze? Saresti così zelante, tu che non hai scelto di fare il tutore dell’ordine, da controllare i documenti, diciamo così, a regola d’arte? Andiamo, dai… Cerchiamo di essere seri! Se proprio si vuole fare una limitazione anche i poveri dettaglianti debbono essere tutelati: la famosa blacklist, il semaforo rosso per i nomi a rischio, deve SAM_6448Afunzionare. E con essa anche eventuali limitazioni territoriali, se proprio vogliamo ricorrere a questi sistemi per ordinanza prefettizia. Il povero tabaccaio deve essere messo in grado di poter dire: “Mi spiace, ma non viene materialmente fuori il tagliando”, non essere lasciato lì alla mercé delle buone maniere altrui, e poi, magari, essere anche punito per l’abuso commesso, con un richiamo, se gli va bene, o con multe, se gli va male.
Dunque, ricapitolando: se si vuole fare una SAM_6449Alimitazione territoriale per la vendita dei biglietti, ci si attrezzi affinché la stesa possa essere inibita dal terminale. Non dal suo operatore. Grazie. Poi se volete evitare di cercarvi del freddo per il letto, magari evitate di trasformare una festa annunciata in una serata ad alta tensione. Ho già esposto negli articoli precedenti la cronaca di quel che ho visto in quei concitati momenti, esprimendo i miei dubbi sugli schieramenti in campo – e i loro comportamenti – da ambo le parti. Ho sentito anche la versione data dagli Ultrà doriani SAM_6450Aall’inviato di Primocanale: “Non abbiamo fatto una marcia su Parma”. Non mi pare che sia stato scritto qualcosa del genere, ma potrebbe anche essermi sfuggito: però l’arrivo insieme, in formazione compatta, dei due gruppi, da via Torelli fino davanti alla gabbia, alle ore 20.35 è un dato inconfutabile. Se poi davanti ai cancelli, durante la carica, sono rimasti solo i parmigiani – e stando ad alcune testimonianze solo la parte più debole di essi, cioè donne e bambini – è un’altra circostanza. “Frambo” SAM_6451Aaveva urlato la sua verità da dietro le sbarre della gabbia, specificando: “I doriani sono intelligenti non tentano di entrare”. Già: ma 150 biglietti erano pur stati venduti. A loro. Se alla fine hanno preferito non entrare, forse è stato perché nel frattempo la società Parma FC, aveva emesso (probabilmente in accordo con la Questura) un comunicato mica tanto sibillino, che preannunciava sanzioni amministrative (leggi DASPO) da parte delle autorità per i residenti nella regione Liguria che avessero tentato di utilizzare un titolo valido per la partita Parma-Sampdoria. Immagino cheSAM_6175, di conseguenza, siano anche pochi ad essere intenzionati a chiedere il rimborso per il mancato utilizzo. Insomma: sarebbe stato bello se doriani e crociati avessero potuto seguire insieme, da gemelli, la partita nello stesso settore, la Curva Nord, però le premesse erano sbagliate, così come, col senno di poi, sembra sapere un po’ di tappo l’apprezzabile proposta di fondere i colori gialloblu-cerchiati. Premesse sbagliate da una parte e dall’altra barricata: che brutto usare questi termini legati al calcio, ma tant’è…. Il Ministro Maroni, tra un Saviano e l’altro, promette che entro pochi anni ci sarà l’abbattimento delle barriere agli stadi (dopo che le medesime sono state “fortificate” su sua commissione…). Naturalmente se il calcio, prima, non sarà stato abbattuto del tutto… (gabriele majo)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “IL BACO DEL SISTEMA

  • 18 Novembre 2010 in 08:52
    Permalink

    Ma il "Frambo" lo sa che continui a citarlo? E' d'accordo? Per sicurezza diciamocelo…..

  • 18 Novembre 2010 in 09:29
    Permalink

    Gentile Anonimo, che immagino sia tale così non corre il rischio che io lo citi, non sono al corrente della circostanza che il "Frambo" sappia che continuo a citarlo. Ma non credo che sia un dettaglio di fondamentale importanza: dal momento che Egli, dinnanzi ad alcuni cronisti, quorum ego, urla a gran voce la sua testimonianza, evidentemente è perchè la stessa venga diffusa, per il tramite dei cronisti stessi, alla comunità. Nel mio piccolo lo accontento. E, se del caso, chioso.
    Sul fatto che sia d'accordo suppongo di sì: appunto se uno, dinnanzi a due telecamere e a due cronisti, urla la sua versione dei fatti da dietro la gabbia prefiltraggio, è perchè ha la volontà, ripeto, di far sapere il suo pensiero ad altre persone.
    Non capisco, invece, la Sua conclusione "Per sicurezza diciamocelo": per sicurezza di chi? Mia? Sua? Del lettore? Del Frambo? E sicurezza in che senso? Diciamocelo chi? Noi tutti – scrittori e lettori – di stadiotardini.com ? Il suo messaggio mi pare un po' criptico. Al contrario spero di essere stato esaustivo sulla questione del Frambo, che mi perdonerà se l'ho dovuto citare per l'ennesima volta. Specifico, infine, che conosco Frambo da una vita, e quindi so associare il suo volto ad un nome. Altri, invece, protagonisti dei miei resosoconti, li conosco solo sommariamente. Grazie per il Suo contributo, ma per sicurezza sarebbe belloe se ci dicesse il suo nome o almeno il suo nickname. E sempre per sicurezza ci chiarisse cosa significa "per sicurezza diciamocelo". Saluti. Gm

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI