IL CASMS E I GEMELLAGGI

Dopo il precedente di Parma-Sampdoria piovono a raffica i provvedimenti con veti per le tifoserie amiche: ripicca ministeriale per i non tesserati?

SAM_6146Ci ripromettiamo di chiederlo direttamente al ministro Maroni, se riusciremo a parlargli, magari lunedì pomeriggio (29 novembre) quando sarà di nuovo nella nostra città per il quinto tavolo della “Carta di Parma”, ma la nuova pioggia di provvedimenti con limitazioni territoriali di vendita dei biglietti per gare tra squadre le cui tifoserie sono gemellate (dopo il clamoroso precedente di Parma-Sampdoria) ci paiono sempre di più, come avevamo già teorizzato, una sorta di autolesionistica ripicca verso coloro che non hanno voluto sottoscrivere la tessera del tifoso. Va specificato, infatti, che queste limitazioni vanno a colpire solo ed unicamente coloro che hanno preferito non sottoscrivere la discussa card maroniana. Tutti gli altri sono esentati da ogni tipo limitazione, se no domani a San Siro non potrebbero essere presenti minimo 200 tifosi crociati nel settore ospiti al terzo anello (il dato numerico è aggiornato a ieri sera, ed è stato raccolto da settorecrociatoparma.it).
(segue all’interno)

SAM_6171Magari corriamo il rischio di passare per dei professorini nel rimarcarlo, ma continuiamo a notare una certa leggerezza, una certa superficialità – sia sulla stampa, sia sul web – con il fioccare di mille luoghi comuni e tante inesattezze. Ieri, al nostro microfono, Corradone Marvasi, ad esempio, sosteneva che: “Con queste decisioni a prenderci male sono gli sportivi veri, per colpa di poche mele marce o qualche imbecille”. Già abbiamo confutato la tesi: gli sportivi veri, per colpa delle SAM_6172mele marce o qualche imbecille (che il sistema Parma, visto che qui è più facile che da altre parti, dovrebbe isolare, e non colpevolmente coprire, nel buon nome della parmigianità, buon nome che – dovrebbero rendersi conto – è rovinato da inqualificabili gesta tipo quelle di Levico quest’estate, nell’amichevole con la Spal) ci prendono male per tutte le rotture di scatole burocratiche che hanno, per tutte le complicazioni, ma non certo SAM_6173per il veto ad assistere a qualche gara, dal momento che i tesserati possono andare ovunque, senza limitazioni di sorta. Domani a San Siro non entreranno al massimo alcune decine di persone (non credo siano più di 200) cioè quelle che hanno scelto “di non farsi schedare” . Tutti gli altri – e stando ai dati del Ministero – a Parma sono 10.371, possono regolarmente entrare. In sintesi: Parma-Sampdoria ed Inter-Parma non sono negate alla intera tifoseria parmigiana, come può sembrare leggendo i vari commenti seguiti ai provvedimenti restrittivi, ma solo ad una ristretta minoranza di essa. Il settore ospiti, domani, breve gazzetta di parma san sironon sarà desolatamente vuoto come si legge in una breve di stamani sulla Gazzetta di Parma, bensì con minimo 200 persone, che hanno acquistato il ticket per il settore ospiti. Le difficoltà – come riportato ieri da Settore Crociato in prima battuta e da noi di stadiotardini.com in secondaerano per coloro che, pur dotati di tessera, non riuscivano ad acquistare tagliandi per gli altri ordini di posto (più confortevoli o con un miglior rapporto qualità/prezzo, rispetto allo scomodo III anello del Meazza), dal momento che la banca che avrebbe dovuto venderli negava questa possibilità per una erronea circolare ricevuta, la quale, contro le disposizioni vigenti, disponeva che gli operatori vendessero i biglietti solo ai possessori della Tessera “Siamo Noi” dell’Inter, ma non a chi mostrava la YBlu del Parma. Grazie all’interessamento dei servizi generali del Parma si è posto rimedio con la possibilità di acquisto di questi biglietti (per gli altri ordini di posto) domani mattina, domenica, quando, invece, sempre in ossequio alla Legge, non saranno venduti quelli del Settore Ospiti. alberto brandiBiglietti, però, che in parte sono già stati venduti, e quindi non sarà desolatamente vuoto. Una volta il capo dei servizi sportivi della Gazzetta di Parma Gian Franco Bellè ripeteva ai suoi sottoposti: “Esattezza, esattezza, esattezza…”. Ma il discorso vale anche in ambito nazionale, e quindi torno al tema iniziale: le limitazioni per le tifoserie gemellate. Mentre verificavo su sportmediaset.it i contenuti della news con le catastrofiche previsioni meteo per domani (peraltro non suffragate da quelle di meteo.it e meteoam.it), mi è caduto l’occhio su un editoriale di Alberto Brandi (che prosegue la rubrica “Ce l’abbiamo con…” del compianto Maurizio Mosca) dal titolo: “Un osservatorio che non osserva”. Per farla breve, il conduttore di Controcampo, che si professa nelle gallo e vianarighe conclusive perplesso sulla tessera del tifoso, mette all’indice le decisioni del CASMS relative a Lazio-Inter e Milan-Brescia, del prossimo turno (3-4 dicembre): “Il Comitato Analisi delle Manifestazioni Sportive, detto anche Casms, ha vietato la vendita dei tagliandi ai residenti della regione Lombardia. Anche impegnandoci, facciamo fatica a trovare una giustificazione al provvedimento. Se c’è una partita nel campionato italiano dove la certezza che non ci saranno incidenti è SAM_6449Aassoluta, questa è Lazio-Inter.  Partita dove l’impegno delle forze dell’ordine è pari a zero. Non è finita qui: stesso provvedimento sarà adottato per Milan-Brescia del giorno dopo: niente tagliandi ai residenti di Brescia e provincia. Anche qui siamo di fronte a un gemellaggio storico, tanto che nell’ultimo Inter-Brescia, i tifosi del Milan a san Siro si mischiarono a quelli del Brescia…” Insomma la stessa situazione di Parma-Sampdoria, converrete. O meglio: nel nostro caso ai gemelli vennero fatte pagare le tensioni della SAM_6450Aloro precedente trasferta a Cesena. Non mi pare di aver riscontrato – però ho fatto, per esigenze di tempo, solo una verifica parziale – recenti particolari intemperanze per le tifoserie “punite” stavolta, ergo il sospetto da più parti avanzato è che si tratti di una ritorsione per gli obiettori di coscienza della tessera, quei disobbedienti che non l’hanno voluta sottoscrivere. Anche Brandi – come la maggior parte, se non tutti, i commentatori – tralascia di specificare che le restrizioni sono solo per i non tesserati e non per tutta la tifoseria e tessera_tifosoquindi chiosa: “Si vuole negare ai tifosi la possibilità di vivere una serata di amicizia e sportività. A chi serve? Perché? Attendiamo spiegazioni”. In realtà i nerazzurri, in possesso di “Siamo Noi”, potranno regolarmente andare all’Olimpico, così come i bresciani sottoscrittori potranno accedere al Meazza, come i nostri 200 portacolori di domani (cui andranno aggiunti quelli che hanno  acquistato il biglietto oggi o  lo faranno domani). Queste ripiccucce, questi mezzucci, queste vendettine – ribadiamo ancora una volta – non giovano, almeno dal punto di vista mediatico e della comunicazione, alla fazione Stato, in guerra con gli Ultrà, i quali, trovano insperati alleati proprio nei giornalisti e in tutti coloro che si stracciano le vesti ogni volta che SAM_6447viene decretata una limitazione di quelle apparentemente bizzarre, tipo Parma-Sampdoria, Lazio-Inter o Milan-Brescia. Non sappiamo perché Maroni ed il suo entourage perseguano questa strada, ma rimaniamo assai perplessi, non tanto per il veto (che tocca solo una minoranza di persone e non l’intera tifoseria), quanto per il succitato autogol d’immagine, e per gli effetti che si vanno a scatenare (vedi la trasformazione della tranquillissima Parma-Sampdoria degli ultimi 20-25 anni, nella serata con cariche ed episodi spiacevoli di questa stagione). Il CASMS, inoltre, continua, a proporre ai Questori (che ordinano) e ai Prefetti che ratificano (firmando) provvedimenti che fanno acqua da tutte le parti: SAM_6175le limitazioni territoriali di vendita dei biglietti per i residenti in una determinata area non valgono un accidente se i computer della rete di distribuzione non vengono inibiti automaticamente dall’emissione di tagliandi a costoro, cosa non possibile dal momento che i dati censiti ed inseriti fanno solo riferimento alle semplici generalità (data e luogo di nascita) ma non alla residenza. E così va a finire che un povero tabaccaio, come quello di Via del Conservatorio, trovatosi nella condizione di emettere 150 biglietti proibiti, si buschi la punizione severa di non poter più operare per Lottomatica, andando a pagare per tutti lui, che di mestiere non fa il poliziotto, per i tanti bachi di un sistema che proprio non funziona. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “IL CASMS E I GEMELLAGGI

  • 27 Novembre 2010 in 17:51
    Permalink

    200? Un esodo! Chissà che bolgia! Il Parma sarà caricato da cotanto entusiasmo!

  • 27 Novembre 2010 in 18:00
    Permalink

    Ricordo che 200 era la stima di ieri sera (venerdì), raccolta da http://www.settorecrociatoparma.it, relativa alla vendita dei tagliandi ai tesserati per il solo settore ospiti fino a quel momento. Ad essi andranno aggiunti coloro che hanno acquistato/acquisteranno i biglietti oggi (è possibile fino alle ore 19, purchè in possesso di tessera del tifoso), ultimo giorno possibile per il settore ospiti, mentre domani, a San Siro, dalle 10.30, sempre i possessori della card ministeriale potranno eventualmente acquistare biglietti per gli altri ordini di posto. Chi non ha sottoscritto la tessera ed è residente a Parma non può acquistare biglietti. Ritengo quindi che saranno un po' più di 200 i sostenitori crociati, anche se siamo ben lontani da quei 10.371che avrebbero potuto teoricamente andare a San Siro, poichè non colpiti da limitazioni del CASMS La prego comunque, quando posta dei commenti, di poter utilizzare almeno un nickname. Grazie Cordiali Saluti (gmajo)

  • 27 Novembre 2010 in 18:49
    Permalink

    Rutto Libero dice:
    Lei non si accorge della miseria portata al calcio dai politicanti e dal sistema oramai devastato.
    200 tifosi, ma anche 300, sono nulla paragonati a due lustri passati
    Il suo sito è un doppione di settore crociato, già questo inutile.
    Saluti

  • 28 Novembre 2010 in 02:14
    Permalink

    Gentile Rutto Libero, se lei si cavasse gli occhiali (o le fette di prociutto) della ideologia, si accorgerebbe che gli scritti che vengono proposti su questo blog non sono certo teneri con i politicanti o con il sistema che lei ritiene (probabilmente a ragione) devastato. Purtroppo, però, lei questi occhiali li tiene bene inforcati (o le fette di prosciutto ben appiccicate alle cavità orbitali) sicché non si accorge dei tanti spunti critici che solo qui sono stati espressi. Se li cavi, e forse se ne accorgerà. Del resto per Lei, come per molti altri, il mio peccato originale è quello di condividere certi valori di Settore Crociato: ebbene io tali valori non li rinnego di certo e li faccio miei e non mi vergogno. Ciò non toglie che su questo blog scriva contenuti che possano essere differenti rispetto alla linea di Settore, di cui, come già le ho detto, non sono un "affiliato", ma solo un amico. Per questo Lei non afferma una cosa esatta quando sostiene che questo sito ne sia un doppione. Al limite un rinforzo, in certi casi. Ma abbiamo una nostra autonomia, che rivendichiamo. Sul fatto che lei ritenga inutile il sito di Settore (e per la proprietà transitiva deduco anche il nostro) non posso che prenderne atto, salvo invitarla a meditare su un punto: io posso anche non condividere la linea di altri media, ma non mi permetto certo di definirli inutili. Potrò criticarli, e spesso lo faccio, ma non mi permetto certo di metterne in dubbio l'utilità della loro esistenza. Ogni libera voce è importante: la tendenza a voler sopprimere chi non la pensa come noi è all'origine della violenza e della sopraffazione. Affermandolo Lei si è già qualificato. Non è un bel segnale voler annientare chi la pensa diversamente. E poi, magari, parliamo di democrazia. Buonanotte gmajo

  • 28 Novembre 2010 in 15:46
    Permalink

    Un tifo assordante i 200 di Milano!! w la tessera abbasso gli ultras!!

  • 28 Novembre 2010 in 18:27
    Permalink

    Gentile Anonimo, ci usi la cortesia di firmare i suoi interventi, specie se come questo possono urtare la suscettibilità altrui. Non so quanto di ironico ci sia nella sua definizione di "tifo assordante" da parte dei 200 di Milano, che visti ad occhio nudo potevano sembrare ancora meno, tuttavia almeno c'erano e nel loro piccolo hanno potuto rappresentare una tifoseria, quella crociata, che sarebbe bello se fosse un po' più unita nel nome di una passione comune, quella per il Parma. Senza distinguere tanto io c'ero, tu no. Io ho la voce più sonora di te, io sono più caldo di te. Ognuno porti il suo granellino per il bene comune. Visto che potenzialmente avrebbero potuto essere presenti 10.371 non puniti da limitazioni, in effetti il tabellino delle presenze è un po' scarsino. Ci si può interrogare sui motivi per la mancanza di un esodo maggiore. Ma è superfluo sbeffeggiare i presenti. Grazie per il contributo (gmajo)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI