PSYCOLOMBA

“Non c’è bisogno di inventare chissà che cosa. I giocatori debbono capire che devono dare il meglio di loro stessi senza far troppi viaggi mentali”
SAM_0001(gmajo) – Se sui giocatori Franco Colomba ha avuto ed avrà lo stesso effetto che ho provato oggi io ascoltandolo in conferenza stampa al Centro Sportivo di Collecchio la mission potrebbe anche essere non impossible. La percezione che ho avuto è che il nuovo allenatore abbia portato, all’interno dello spogliatoio, una buona dose di buon senso e di ‘giusta’ serenità. Credo che la frenesia e le tensioni siano state troppe volte pessime compagne di viaggio dei nostri eroi: il modo di fare di questo signore mi è parso davvero rassicurante. Insomma, il profilo da lui tracciato da Zaccardo martedì scorso sembra davvero ben pennellato e calzante: così aveva detto il Campione del Mondo 2006: ”E’ un allenatore che mentalmente è libero e non frustrato come la squadra per questa classifica un po’ deficitaria, e quindi, con la sua lucidità, anche se è arrivato da pochissimo tempo, ci sta cercando di trasmettere la sua serenità.” Glielo abbiamo riferito e il serafico Psycolomba ha spiegato così: “Frustrati perché un campionato stando sempre un po’ ad arrancare ti logora e ti rende un po’ frustrato: appunto per questo dico che non c’è bisogno di inventare chissà che cosa, ma solo ripristinare uno status quo che c’era prima e cercare di capire che debbono dare il meglio di loro stessi, senza fare troppi viaggi mentali e dando tutto. E poi un po’ di ordine, perché il disordine mentale si vede anche in campo. Un po’ di raziocinio, secondo me, non guasta”. All’interno la trascrizione integrale della conferenza stampa di Colomba oggi a Collecchio


TRASCRIZIONE CONFERENZA STAMPA DI FRANCO COLOMBA DEL 15.04.2011 (Centro Sportivo di Collecchio)

SAM_0003Guglielmo Trupo (Parmatoday) – Come arriva il Parma alla sfida con l’Inter?
“il Parma arriva attento a quello che può succedere ed attento a questa gara. Abbiamo cercato di analizzare quella passata, che ci ha dato qualche risposta positiva, qualche altra meno: cerchiamo di mettere a frutto le cose in più che sappiamo su questa squadra e poi si vedrà. Ovvio che l’Inter ha le sue problematiche, le sue ambizioni, i suoi intenti da raggiungere che valgono i nostri, anche se può sembrare che si tratti di situazioni differenti, ma sono importantissime tutte e due, quindi noi abbiamo tutta l’intenzione di fare una partita degna dell’avversario che affronteremo e anche del nostro prestigio e della nostra voglia di far bene, perché la classifica necessita di essere alimentata. E’ un po’ che questo non accade, quindi è giusto così”.
SAM_0025Guglielmo Trupo (Parmatoday) – Arriva l’Inter, avversario terribile, molto forte sulla carta, però sono questi gli avversari che fanno trovare a qualcuno le giuste motivazioni…
“Guardi: non abbiamo bisogno di motivazioni importanti, più motivazioni di doverci salvare non ce n’è. Poi l’Inter ti stimola, ti stuzzica, ma non è una partita per dire siamo più bravi dell’Inter o per dimostrare qualcosa agli altri; dobbiamo dimostrare a noi stessi di poterci salvare, e farlo attraverso una bella prestazione di carattere, di volontà, perché è con queste armi, unitamente, poi, a qualche qualità che abbiamo, che potremmo raggiungere l’obiettivo; senza una base caratteriale no, però siccome qualcosa ho intravvisto nonostante una prestazione che forse non ha lasciato tutti contenti, ma un certo ordine, una certa voglia, qualche errore secondo me evitabilissimo, non è stata una prestazione tutta da buttare”.
SAM_0010Matteo Billi (Parma Qui) – Come è andato l’allenamento di ieri sera al Tardini – che se vogliamo potremmo definirlo il suo pre-esordio, avendo giocato la sua prima partita fuori casa – anche nell’ottica della temperatura e del tempo brutto, e quindi del freddo che è tornato rispetto alle precedenti partite?
“Guardi: io avevo previsto un allenamento di sera, poi il fatto che sia stato un clima più o meno simile a quello che c’è oggi, o forse ci sarà domani, è stata una casualità. Più che altro per allenarci sotto la luce dei riflettori, per prendere confidenza maggiormente con questo tipo di serata. Mi è piaciuto anche per il pubblico che ci è venuto a vedere: credo che sia stato una buona cosa: i ragazzi l’hanno interpretato bene, quindi mi fa piacere”.
SAM_0011Matteo Billi (Parma Qui) – Tornando al discorso Inter: è peggio incontrarla dopo una eliminazione così bruciante dalla Coppa dei Campioni?
“Non c’è peggio o meglio: ovvio, avessero vinto, sarebbero stati entusiasti per aver vinto; hanno perso e sono arrabbiati perché hanno perso… E’ una squadra forte, fatta da uomini vincenti, quindi sanno reagire alle sconfitte, così come sanno domare l’entusiasmo in caso di vittoria. Credo che sia la più forte squadra italiana: almeno io la ritengo così, pur non essendo in un momento eccellente: è da affrontare con l’attenzione massima, ancora di più di quella che abbiamo avuto domenica, perché il minimo errore l’Inter te lo fa pagare”.
SAM_0013Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Vorrei chiederle delle condizioni di Crespo, in questo momento, e degli altri giocatori che non si sono allenati…
“Mah… Crespo è rientrato praticamente ieri con la squadra, o l’altro ieri: sta bene. Sta bene nel senso che ha recuperato dal problemino che aveva avuto la settimana scorsa. Paci sembra che anche lui stia meglio, quindi penso che siano disponibili. Ovvio che Palladino non lo è, e neppure Marques e Zè Eduardo. Questi sono quelli che probabilmente ancora non faranno parte del gruppo”.
Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Dal punto di vista tattico si può pensare a un Parma simile a quello che ha affrontato la Lazio?
“Potrebbe essere. Ieri ho provato alcune cose, l’altro giorno ne avevo provate altre: io sono in una fase di conoscenza, che deve essere ovviamente il più veloce possibile. Ho qualche certezza per qualche conoscenza che ho di qualche giocatore; sto cercando, durante la settimana, di valutare quelli che conosco meno. Poi la decisione la prendo domani: non è che ho definito ieri quello che è il nostro atteggiamento in campo, così come anche oggi. Voglio verificare bene le cose, perché è importante: sono squadre che non ti concedono sbavature. Quindi sbavature per rischiare qualcosa ce le prenderemo, ma non in questa partita”.
SAM_0015Michele Gallerani (Sky Sport 24) – A proposito di atteggiamento, ma non tattico, bensì mentale, o di approccio: ieri Ghirardi ha detto, se i ragazzi riescono a trasformare quello che Colomba gli sta spiegando e che gli ha già spiegato in questi dieci giorni, siamo tranquilli, nel vero senso della parola…
“Io credo che l’allenatore, ad un certo punto della stagione, possa dare uno scossone: ci vuole grande disponibilità, grande disponibilità che negli allenamenti vedo e che in parte ho visto anche la settimana scorsa:; quindi si tratta di incentivare ulteriormente questo, perché, ripeto, non abbiamo troppo il tempo di stare a cincischiare, o a ragionare, o a proporre situazioni particolari. Bisogna dare il meglio di se stessi, con la testa soprattutto; poi le gambe sono una conseguenza, e la qualità, se c’è, viene fuori. Questo è come la vedo io: però la testa è la prima cosa. Il lavoro, in queste settimane, è stato improntato soprattutto a quello: da come reagiscono e rispondono in allenamento sono contento. Quindi stiamo a vedere”.
SAM_0018Michele Gallerani (Sky Sport 24) – Lei cosa sta dando?
“Io sto provando a smuoverli sotto il profilo psicologico, cercando di trasmettere qualche certezza che possa avere io, per quanto un allenatore possa avere delle certezze assolute, che non è proprio vero; però cercare di sfruttare i giocatori per quello che possono dare. A sei partite dalla fine invenzioni non ne fa nessuno: credo che questo possa essere un dato importante”.

SAM_0019Michele Gallerani (Sky Sport 24) – Non era una domanda specifica sulla lotta salvezza, ma sulla lotta scudetto: ma ieri sera Tommaso Ghirardi ha associato le due corse, le due gare, e ha detto: chi è avanti, anche di un solo punto, come il Parma, è in vantaggio su chi insegue…
“Insomma, credo che sia abbastanza lapalissiano, questo proprio per quanto riguarda l’essenza della frase. E’ anche vero che in questo finale, a seconda di quanto propone il calendario ci può essere un saliscendi continuo. Questo vale un po’ per tutti, in particolar modo per la lotta per non retrocedere; quindi può darsi che ti trovi un po’ più su, ma non devi sentirti tranquillo, e se ti trovi un po’ più giù non sei spacciato. Questo è quello che penso io. Però è ovvio, come è giusto che sia, che è meglio avere un punto in più che in meno: su questo sono d’accordo con il Presidente”.
SAM_0021Gabriele Majo (stadiotardini.com) – L’altro giorno Zaccardo ha detto che i giocatori sono frustrati, mentre lei è lucido e sereno…
“Frustrati perché un campionato logora, non è semplice, perché un campionato sempre un po’ ad arrancare ti rende un po’ frustrato: appunto per questo dico che non c’è bisogno di inventare chissà che cosa, ma solo ripristinare uno status quo che c’era prima e cercare di capire che debbono dare il meglio di loro stessi, senza fare troppi viaggi mentali e dando tutto. E poi un po’ di ordine, perché il disordine mentale si vede anche in campo. Un po’ di raziocinio, secondo me, non guasta”.
Gabriele Majo (stadiotardini.com) – E’ un po’ frustrata anche l’Inter, se si guardano gli ultimi risultati. Meno frustrante per il Parma pensare che i prossimi avversari stanno subendo tanti gol: un buon segnale…
SAM_0008“L’Inter è una squadra importante, lo abbiamo detto anche prima. Può avere dei momenti di flessione: d’altronde sono anni che sono sempre in prima fila, in prima linea a vincere, soprattutto. Sono allenati a vincere e a superare i momenti difficili: quindi questo non ci deve fare pensare a chissà che cosa di più semplice rispetto a quello che in realtà è. Però convinti noi dobbiamo esserli, perché solamente con una partita veramente intensa sotto tutti i profili – la partita perfetta, se vogliamo – si può uscire senza problemi da un incontro del genere. Appunto pensando anche a quello che stanno patendo loro, che sicuramente non gli va a genio”.
SAM_0026Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – Il Parma può permettersi di attendere come è avvenuto a Roma con la Lazio? Visto che il primo gol della Lazio era stato un colpo e l’Inter ne ha di giocatori in grado di farne…
“Sì, infatti. Noi, con la Lazio, se c’è una pecca, probabilmente è stata quella di non avere spostato il baricentro in avanti; però si veniva da un momento negativo, molto negativo dopo la sconfitta nella partita in casa, quindi, forse, c’era un po’ di prudenza all’interno della mente della squadra. Poi ci siamo sciolti, strada facendo: questo, invece, mi ha fato capire che è SAM_0014una squadra che può proporre anche con un determinato assetto, che può sembrare prudente, ma poi la gamba per ripartire c’è. L’Inter ha non solo Eto’o, non solo Sneijder, non solo Milito, non solo Pazzini, non solo Pandev: è uno squadrone, c’è pure Stankovic, tutti possono tirare fuori dal cilindro la carta vincente. E questo è quello che l’ha fatta diventare la squadra più forte del mondo. Quindi non dobbiamo pensare esclusivamente a difenderci, ma anche a ripartire. Ovvio che chi avrà il pallino del gioco, probabilmente, non saremo noi, questo è fuor di dubbio se no vorrebbe dire che ribalteremmo tutti i valori calcistici e non è così però essere belli e compatti sarebbe già una buona cosa”.
SAM_0024Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – Lei prima ha detto che potrebbe esserci questo saliscendi tra il quartultimo ed il terzultimo posto: potrebbe influire, dal punto di vista psicologico, dal momento che questa squadra ha soprattutto delle debolezze psicologiche?
“Noi, innanzitutto, non partiamo per scendere. Partiamo per salire. In ogni partita ci sono tre punti in palio: per quanto possa essere un discorso banale, però è così. Quindi aspettiamo la fine. E poi è proprio questa la forza in più che dovremmo avere in questo finale, perché ci si salva con i nervi saldi, con la testa sulle spalle, con la voglia di dare tutto e soprattutto, come ho detto prima, con equilibrio e raziocinio. Quindi salire e scendere ci può stare, basta affrontare tutte le partite dando il meglio: poi i conti si fanno alla fine, perché è questo quello che penso”.
Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) – Lei finora al Tardini era sempre venuto da avversario: già alcuni settori sono esauriti, cosa si aspetta per domani sera?
SAM_0025“Il pubblico veniva da una bella annata l’anno scorso e sta patendo, quest’anno, un’annata di difficoltà. Però Parma è una città matura, una città che sa capire che questo è veramente un momento difficile per la squadra. Quindi io non ho dubbi che il pubblico si stringerà attorno alla squadra, perché è un patrimonio importante la serie A per la Società, per i tifosi e per i giocatori, perché, voglio dire, rigiocare in serie A l’anno prossimo è una grande cosa. E quindi è quello che desiderano. Io mi confronto tutti i giorni: c’è voglia di fare, c’è applicazione negli allenamenti, quindi non c’è assolutamente aria di smobilitazione o che cosa… Ci crediamo: io sono venuto perché ci credo, perché ho la volontà di provare a farcela, e i ragazzi stanno con me. Quindi non c’è nessun problema”.
(Conferenza stampa dell’allenatore Franco Colomba al Centro Sportivo di Collecchio di venerdì 15.04.2011. Registrazione audio e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI