MAJO, DOPPIETTA IN TV

Dopo aver partecipato stamani, in diretta dagli studi Rai di Bologna, a Buongiorno Regione su Rai Tre, stasera il curatore responsabile di www.stadiotardini.com sarà a Bar Sport su Tv Parma

majo buongiorno regione rai tv(gm) – Scusate l’autoreferenzialità, ma, sono lieto di annunciare che dopo aver avuto di buon mattino la possibilità della prestigiosa ospitata a Buongiorno Regione su Rai Tre, in diretta dagli studi Rai di Bologna, stasera anche Tv Parma mi offre l’opportunità di innalzare il livello della mia esposizione mediatica, avendomi inserito nel parterre di Bar Sport, il salotto del lunedì sera che avrà inizio alle 20.30. Giuseppe Milano, che conduce la trasmissione con Monica Bertini, mi ha svelato in anteprima che ci sarà un collegamento telefonico con l’allenatore Franco Colomba. Tornando, invece, al programma della Tgr Emilia Romagna di stamani, potete trovare all’interno la trascrizione integrale della mia conversazione con il Vice-Capo redattore Ivan Epicoco.


SAM_1758Ivan Epicoco: Abbiamo parlato di sport nel nostro telegiornale e di sport ci occupiamo anche nel nostro approfondimento, e in particolare di calcio, visto che siamo giunti in una fase cruciale per quanto riguarda il campionato di serie A e non solo. E lo facciamo parlando con un giornalista sportivo, Gabriele Majo, che è stato a lungo addetto stampa del Parma Calcio ed attualmente è direttore di un blog che si chiama stadiotardini.com
Allora, cominciamo dalla realtà che meglio conosci: quella del Parma Calcio. Ieri una vittoria importante contro il Palermo. Secondo te è una vittoria che può significare salvezza?

SAM_1770Gabriele Majo: “Visto che mi occupo di un blog, diciamo che virtualmente il Parma è salvo. E’ salvo perché quota 41 dovrebbe garantire, a tre giornate dalla fine, la salvezza. Un traguardo che soltanto tre partite fa sembrava irraggiungibile, ma grazie alla cura Colomba il Parma è riuscito a portarlo a termine. Ieri l’allenatore non voleva che si parlasse già di salvezza centrata, pur essendo, ovviamente, contento del ruolino fin qui portato avanti, però voleva che si aspettasse la certezza matematica. Diceva Colomba: se non è matematico per il Milan lo scudetto, non è matematico neppure per noi il discorso della permanenza certa in serie A. Ma virtualmente io direi di sì”.
majo epicoco rai bolognaCome mai il Parma, che sembra una squadra attrezzata per un campionato di media classifica – come d’altronde, poi, in qualche modo ha dimostrato dopo l’arrivo di Colomba – si ritrovato invischiato, invece, nella lotta per non retrocedere, pur con una rosa di questo livello?

“Mah… Verrebbe da dire che tutte le colpe siano di Marino, visto che come è cambiato l’allenatore tutto, come per magia, è andato a posto. Io, però, non vorrei addossare tutte le responsabilità solo al tecnico esonerato, il quale, a mio avviso, ha finito per pagare la politica societaria che aveva abiurato il “credo calcistico” che aveva garantito la promozione in serie A, nell’anno maledetto della B, e l’ottavo posto della scorsa stagione con Francesco Guidolin, ritenuto un allenatore che bada troppo all’avversario e non offre un calcio “propositivo”, per lo meno questa era l’espressione che alcuni dirigenti del Parma utilizzavano… E così, passando da un certo tipo di filosofia ad un’altra, si è creata qualche fisiologica problematica.
SAM_1748Lo stesso Marino, nel corso delle ultime giornate della sua gestione, aveva cercato, non dico di tornare sui propri passi, ma di farci tornare il Parma (sui propri passi), proponendo un tipo di calcio un po’ più accorto, non fondato solo sulla ricerca dello spettacolo a tutti i costi, cosa che per altro non era riuscita nel migliore dei modi, e a maggiore ragione questa operazione di restaurazione ha funzionato con il nuovo allenatore che ha portato semplicità e molta tranquillità; perché credo che il segreto del nuovo allenatore sia proprio questo fare le cose semplici. Durante una conferenza stampa Zaccardo aveva detto: noi giocatori siamo un po’ frustrati – e naturalmente lo aveva detto prima di questo filotto di vittorie – mentre Colomba è lucido e ci trasmette questa serenità, questa tranquillità. E lo stesso Colomba, in un’altra intervista, ha affermato: quando la mente è sgombra le cose riescono meglio, anche sul campo…”

SAM_1755Parliamo del Bologna, Bologna cui non è riuscita l’impresa di fare punti con la capolista Milan a San Siro, ma i rossoblù hanno comunque fatto paura al Diavolo…

“Li hanno messi in difficoltà e c’è stata anche un po’ di penalizzazione da parte degli arbitri, anche se non mi piace mai andare a cercare degli alibi, dico la verità, e lo stesso dicasi quando seguo il Parma, perché cerco sempre di essere molto obiettivo, perché non è mai costruttivo andare a cercare delle scuse. In effetti, però, sono d’accordo con Malesani che ha parlato di due pesi e due misure da parte del direttore dell’incontro nel corso di quella partita. Durante il servizio del TG abbiamo sentito Pasini che parlava di espulsione vergognosa di Della Rocca: il Parma, ovviamente, ringrazia, perché credo che ci siano alcuni squalificati, anche se questo non significa chissà che, perché ricordo che il Parma, con tanti squalificati, era riuscito a vincere il doppio confronto con il Bologna proprio nel famoso spareggio del 2004-05, comportato la retrocessione dei felsinei e la permanenza in serie A del Parma. In quell’occasione non bastarono 42 punti al Bologna: evento abbastanza storico, vedremo quest’anno quanti ne basteranno…”
SAM_1750Ovviamente immaginiamo che i tifosi rossoblù stiano toccando ferro… La squadra rossoblù è stata protagonista, al di là degli ultimi risultati negativi, di una eccellente stagione, anche di fronte ai problemi societari che tutti quanti conosciamo. Per quanto riguarda il futuro, la formula societaria ideata da Consorte, secondo te, può diventare addirittura un modello?

“Mah… Sono un po’ perplesso, perché il mix iniziale mi convinceva un po’ di più. Non credo che in Italia si sia pronti per il cosiddetto azionariato popolare – anche se l’aggettivo popolare quando si parla di industriali mi pare un po’ fuori luogo – cioè tanti piccoli imprenditori messi insieme. Precedentemente al Bologna c’era anche Zanetti e secondo me la piazza è stata un po’ autolesionista, perché il Re del Caffè andava mantenuto nella compagine societaria, al di là dei problemi che ci possono essere stati, anche per via delle querelle Baraldi che ha creato una sorta di terremoto su questa piazza. Adesso il Presidente si chiama Guaraldi, che fa anche rima, non so, dunque, se saranno tutti quanti contenti… Certo che tre presidenti nell’arco di una stagione sono un po’ tanti…”
gabriele majo a buongiorno regioneSperiamo che il Bologna raggiunga una certa stabilità societaria, perché è veramente importante. E adesso occupiamoci del Cesena, dove l’amarezza è davvero grande. E’ maturata questa sconfitta nel recupero contro l’Inter, dopo una doppietta di Pazzini, e tra l’altro non è la prima volta che una sconfitta arriva proprio nei minuti di recupero per i bianconeri…

“E questo è un brutto segnale, anche se credo che il Cesena sia la squadra che lotta per non retrocedere che più di tutte merita la permanenza in serie A per quello che ha fatto nel corso di questa stagione e lo merita anche SAM_1741la società per un certo rigore che ha mantenuto nell’arco di questa annata. Il Cesena è stata la prima squadra di quelle che lottano per non retrocedere a far registrare risultati importanti: mi viene da dire soprattutto la trasferta a casa della Sampdoria che avrebbe inguaiato i blucerchiati che di lì in poi inanellarono una serie nera piuttosto negativa e consistente che non ha ancora trovato fine. Ero convintissimo che il Cesena riuscisse a fare questo colpaccio con l’Inter, o per lo meno dopo il primo tempo ero abbastanza convinto che la partita potesse finire in parità e che fosse uno di quei pari diciamo così balneari di fine stagione. Invece è andata a finire che l’Inter ha fatto delle cose… da Pazzini e quindi è arrivata alla vittoria…”
SAM_1740Per quanto riguarda il Cesena c’è da dire che sono stati molto bravi a livello societario ad allentare le pressioni fortissime degli ultras, anche con qualche episodio di violenza, e difendere l’allenatore Ficcadenti. E’ stata una mossa che potrebbe rivelarsi quella giusta?

“Direi di sì perché le società dovrebbe sempre essere abbastanza svincolate dall’influenza nefasta dei tifosi, soprattutto delle frange un po’ più violente degli stessi. Bisognerebbe un po’ sganciarsi, fare delle scelte senza essere condizionati: credo che questo tipo di rigore del Cesena sia un modello positivo da seguire un po’ a tutti i livelli. E non c’è bisogno di aspettare gli episodi di violenza per prendere questo tipo di distanze. Sulla conferma dell’allenatore la scelta è stata coraggiosa, del resto come era stata abbastanza coraggiosa – e forse anche un po’ autolesionista – quella del Parma di SAM_1805confermare Marino. Proprio dopo la partita con l Cesena la piazza a Parma aveva chiesto la testa dell’allenatore in un modo piuttosto consistente: io, in quella occasione – pur non essendo un mariniano, piuttosto ero abbastanza un guidoliniano – dissi che la società faceva bene a tenere duro. Salvo aggiungere che in ogni caso avrebbe dovuto essere cacciato prima e non dopo… Però era apprezzabile che anche il Parma, in quella occasione, non avesse ceduto alle pressioni di piazza”.

Noi ringraziamo Gabriele Majo per questa preziosa chiacchierata
PER VEDERE IL VIDEO DELLA TRASMISSIONE CLICCA QUI
(dal minuto 12.15 al minuto 21.15)

(Trascrizione dell’intervento di Gabriele Majo,direttore di www.stadiotardini.com, a Buongiorno Regione – Rai Tre Tgr Emilia Romagna. Bologna, 02.05.2011. Registrazione audio, foto e trascrizione a cura di EsseVi Toys)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “MAJO, DOPPIETTA IN TV

  • 2 Maggio 2011 in 18:32
    Permalink

    GM,
    la "scomunico" da Mio "mentore",
    con simpatia Enzo Dallai

  • 2 Maggio 2011 in 18:34
    Permalink

    ciao Gabriele, ti seguirò in streaming.
    Ti proibisco però di presentarti vestito da …Ape Maia !

    febbredacalcio

  • 2 Maggio 2011 in 22:11
    Permalink

    Majo, leggo spesso i suoi articoli. Acuto ed equilibrato osservatore come pochi, capace di far parlare della nostra squadra anche fuori dalla città. Ce ne fossero di giornalisti come lei! Continui così. Carlo.R

  • 3 Maggio 2011 in 17:47
    Permalink

    Scusate il ritardo, ma mi sembrava cortese una parola di ringraziamento per tutti.
    Vorrei iniziare con Marcello, di cui non leggete qui sopra alcun commento, ma che ha espresso il proprio gradimento per il mio operato su http://www.stadiotardini.com ieri sera con un SMS inviato a Tv Parma, che Monica Bertini (un grazie pure a lei) ha selezionato tra quelli da leggere. Parole che mi hanno davvero commosso e che mi spingono a continuare nel mio impegno in questa avventura. Avventura che mi auguro possa proseguire anche nella prossima stagione, se sarò in grado di mettere insieme un minimo di sponsor che possano garantirci la sopravvivenza.
    Enzo Dallai vorrebbe togliermi la "procura" e ha ragione: mi ero attivato per farlo invitare da Bar Sport dopo un suo SmS di qualche tempo fa a quel programma (chiedeva lumi della situazione economica del club), ma, malgrado le mie operazioni diplomatiche non sono riuscito ancora ad ottenere che il suo sogno (peraltro da me suggerito) si avverasse. Chissà che il Buon Giuseppe Milano non faccia il miracolo di qui alla fine della stagione…
    Febbredacalcio è una cara lettrice che si segue da lontano, la quale non ha mai fatto mancare il suo contributo postando commenti/articoli spunto di poche riflessioni. Mi fa piacere che abbia seguito la mia performance serale, anche se devo dire che non mi è parsa la migliore puntata di Bar Sport per via degli eccessivi personalismi/protagonismi di alcuni opinionisti, i quali dovrebbero più spesso ricordarsi che non stanno solo giocando tra loro, essendo che hanno una vasta platea che li segue. Non credo che le qualità – qualora ce ne siano – spicchino facendo a gara a chi interviene per primo al microfono, o delegittimando il competitor di turno. E la sublimazione di quanto dico è il match Cervi vs Frigeri (in rigoroso ordine alfabetico) che ieri ho avuto la ventura di seguire dal vivo… Sul look da apemaja ti ho accontentata, anche perché sapendo di avere al fianco il censore Piovani, che da critico eno-gastronomico si è trasformato in un maestro di eleganza, ho cercato di essere impeccabile in un doppio petto…
    Infine Carlo.R il quale mi ha davvero gratificato, riconoscendomi doti di acutezza ed equilibrio, e la capacità di far parlare della nostra squadra anche fuori città. Faccio mio lo sprone di continuare così: non può essere diversamente grazie alla nicchia di persone di buon senso che cerco di riunire sotto il tetto virtuale di www,.stadiotardini.com Davvero grazie a tutti. Gabriele Majo

  • 3 Maggio 2011 in 18:35
    Permalink

    GM,
    dimenticavo….
    quando domenica nel post-partita , accendendo la radio in macchina, collegandomi con Radio Bruno La ho sentita ripetere 3 volte il termine….abiura, abiurato, abiuramento….mi sono sbellicato ( ma sempre con molta stima e rispetto)ho proseguito la mia marcia verso casa.
    Saluti,
    ED

  • 3 Maggio 2011 in 18:44
    Permalink

    Caro Enzo, adesso possiamo anche sbellicarci per l'abiuramento. Fino a tre settimana fa no… L'importante è che la stessa storia non si ripeta a breve. E scrivendolo non penso di fare il male del Parma… Saluti Gm

  • 4 Maggio 2011 in 08:43
    Permalink

    Condivido il pensiero pienamente, il mio sbellicamento era riferito ad un uso "erudito" della Nostra lingua , che non e'poi cosi' consuetudine sentire o usare, se non dagli Accademici della Crusca!!.
    La speranza di Noi tutti e' che appena la matematica ci confermera' in serie A, esca il comunicato del Nostro Direttore Generale con la conferma di Mister Colomba,che ha saputo in cosi' breve tempo stemperare amarezze a tutto l'ambiente e a ridare fiducia a quel manipolo di giocatori con i calzoni a 3/4…
    Avanti cosi' GM!!
    Enzo

  • 4 Maggio 2011 in 09:35
    Permalink

    Pur non essendo un accademico della Crusca (semmai del Loglio), talora mi piace rispolverare termini desueti, non solo per ridare loro una vita, ma anche per meglio incalzare il concetto. E l'utilizzo di tre vocaboli similari, tutti con la stessa radice, era un voluto rafforzativo dell'assunto che volevo esprimere. Tra l'altro al microfono del Saltimbanco, noto "innamorato" di Marino. Con Colomba stiamo davvero vivendo una nuova stagione, un nuovo campionato come aveva vaticinato, in sede di presentazione, l'Ad Leonardi, ma non va certo dimenticata quella appena assai deludente appena conclusa (con Marino alla guida, ma certo non l'unico colpevole). Per esprimere la causa del "peccato originale" ho spesso fatto ricorso al lessema "ubris" che non è insito nel Devoto Oli, semmai nel Rocci. E la "nemesi" per quel peccato – nell'Antica Grecia ritenuto il peggiore dei mali – è stata l'ottenere la salvezza proprio grazie alla mentalità abiurata dopo la scorsa stagione… Saluti Gm

  • 4 Maggio 2011 in 10:12
    Permalink

    Gm, esulando dall'assunto…
    sono a porle una richiesta, convinto che possa giovare alla completezza di informazione che contraddistingue Lei e di riflesso, il "Suo" sito: Perche' non ci svela i luoghi sotto la Tribuna dello Stadio Tardini,magari a puntate, con cadenza settimanale.
    Noi che non frequentiamo quei siti dello Stadio saremmo incuriositi e poi, il nome del suo magazine on-line rimanda il pensiero direttamente al mio suggerimento.
    ED

  • 4 Maggio 2011 in 10:49
    Permalink

    Sì, ricordo la richiesta… Vedremo a stagione terminata se riusciremo a combinare qualcosa in questo senso… Gm

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI