LA SILENZIOSA PROTESTA DEL PARMA

comunicazione parmaIl delegato della Lega Serie A è salito in sala stampa al Tardini comunicando che nessun tesserato del Parma FC, neppure l’allenatore Roberto Donadoni, commenterà la partita. Evidente il disappunto per i decisivi errori arbitrali che hanno condizionato il risultato per la seconda gara consecutiva: una sorta di autotutela per evitare ulteriori deferimenti o squalifiche dopo quella di Leonardi.. La notizia ci è stata confermata anche dalla responsabile dell’ufficio stampa del Parma Maria Luisa Rancati

All’interno il comunicato stampa emesso dalla società alle 15.11

DA FCPARMA.COM

4 marzo: comunicazione del Parma Fc

Parma 4 marzo 2012 – Il Parma Fc, profondamente amareggiato dopo la sconfitta con il Napoli, ha scelto nel post partita di rimanere in silenzio. La squadra crociata tornerà ad allenarsi lunedì 5 marzo alle ore 11 a Collecchio in vista del recupero con la Fiorentina in programma mercoledì 7 marzo alle 18.30 al Tardini. Non sono in programma appuntamenti stampa. Mister Donadoni sarà a disposizione dei giornalisti martedì 6 marzo per la consueta conferenza pre rifinitura in orario che sarà successivamente comunicato.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

15 pensieri riguardo “LA SILENZIOSA PROTESTA DEL PARMA

  • 4 Marzo 2012 in 15:40
    Permalink

    Su Wikipedia, da oggi, alla voce partita ladrata, ci sarà un nuovo esempio universale.
    Bravi ragazzi, partita splendida.

  • 4 Marzo 2012 in 15:55
    Permalink

    Gentile sig.Majo, è colpa di Donadoni anche questa volta? Chissà come sarà contento colomba in questo momento…
    E poi sentir parlare di condizionamento da lei……Questa partita era già decisa: il napoli doveva vincere e ha vinto. Ci è stata rubata. Punto.Lo dica senza mezzi giri di parole.
    Altrimenti non è giornalismo.
    Saluti.

  • 4 Marzo 2012 in 15:59
    Permalink

    Grazie per la lezione di giornalismo.

  • 4 Marzo 2012 in 16:03
    Permalink

    Prego, non c'è di che.
    O forse non vuole inimicarsi gli amici partenopei?

  • 4 Marzo 2012 in 16:14
    Permalink

    No comment. Queste provocazioni di basso profilo non meritano che spenda alcuna parola. Faccio silenzio stampa anch'io…

  • 4 Marzo 2012 in 16:28
    Permalink

    Certe volte sono di basso profilo anche i suoi editoriali, sig.Majo.
    Sappia che la mia stima nei suoi confronti è intatta…Qualche volta La esorto a migliorare, Le do dei consigli come Lei fa, giustamente, con Donadoni.
    Saluti.

  • 4 Marzo 2012 in 17:54
    Permalink

    Roger credo che tu stia esagerando.Il furto c'è stato ed è palese.Ma prendersela con Gabriele è sbagliato.Un giornalista, per definizione, dovrebbe essere oggettivo ed imparziale quando scrive.Non può farsi prendere dalle emozioni. Gente come Pellegatti,Zampa,Auriemma ecc io non l'ho mai sopportata.

    Detto ciò mi ero connesso al forum solo per commentare una frase di Leonardi che è comunque emersa:"Non sono mai stato così orgoglioso di tifare Parma"

    Beh,dopo queste parole posso certamente dire che non sono mai stato così orgoglioso del mio DG!!!

    Matteo C.

  • 4 Marzo 2012 in 19:20
    Permalink

    Roger, mo cò dit?

  • 4 Marzo 2012 in 22:01
    Permalink

    sono del parere che gli arbitri siano in buona fede,se qualcuno pensa che non sia cosi alla domenica meglio andare a giocare a tresette invece di andare allo stadio…giusto roger?
    monti70

  • 5 Marzo 2012 in 11:00
    Permalink

    Vedo che il sig.Majo di avvocati difensori ne ha a bizzeffe; che dire meglio per Lei. Matteo C. dice bene: il furto c'è stato. Allora un buon giornalista dovrebbe SCRIVERLO, e non limitarsi a mezze parole.
    Di questo passo ci spediscono in B, e questo non va bene.
    O è tutta colpa di Donadoni???

  • 5 Marzo 2012 in 11:33
    Permalink

    Roger continua a provocarmi, dunque rompo il mio personalissimo "silenzio stampa" con lui. Caro Roger, io capisco la Sua funzione di sprone nei confronti del sottoscritto, tuttavia può evitare di fare il processo alle intenzioni: la mia celeberrima "omelia laiaca" del lunedì è ancora in fieri (in verità debbo ancora iniziarla e mi scuso per il notevole ritardo) sicché dubito Lei possa sapere quali saranno i miei contenuti al riguardo. Ma indipendentemente da quello Lei pensa davvero che se io da questo blog, che unisce una nicchia di circa 2.000 lettori quotidiani, mi metto a strapparmi le vesti e a strillare, facendomi lavandino di tutto il vomito rigettato in queste ore verso la classe arbitrale (giustamente) dai tifosi possa davvero cambiare qualcosa e, perché io mi indigno non ci spediscono in B ? Ma per piacere… E il ragionamento vale pure per Davide che ha accennato al suo essere contrario ai toni soft di Ghirardi e del Parma sulla questione arbitrale. Del pianto del Ghiro il Palazzo, posto voglia inseguire quel disegno (mi pare una corbelleria pensarlo, ma tant'è), non gliene può fregar di meno: quindi non serve a nulla indignarsi, urlare o fare come fan tutti. E ha ragione Donadoni (che tanto Vi piace come allenatore da ribadire stucchevoli, ingenerose ed immeritate accuse al suo predecessore che, se non ricordo male aveva salvato il Parma dalla retrocessione meno di un anno fa) nel dire che chi pensa di avere vantaggi lamentandosi non ha capito nulla di questo mondo.
    Ringrazio per la stima anche i miei tanti avvocati difensori, così come Roger li ha definiti.
    Grazie di nuovo a Roger per le continue lezioni di giornalismo: ma il mio stile è un po' diverso da quello che Lei vorrebbe. Di furto hanno parlato giornali che vantano un numero di lettori ben superiore a quello di stadiotardini.com : si accontenti di quello. Fare del gratuito populismo non mi va proprio. Ciò non toglie che ieri il Parma sia stato penalizzato da evidenti errori arbitrali che gli hanno impedito di raccogliere un risultato positivo. Ma mi pare di averlo espresso piuttosto chiaramente nelle mie mezze parole a caldo di ieri (che erano cronaca e non commento, mi scusi per la lezioncina giornalistica).
    Cordialmente Gmajo
    P.S. – Sul tema Donadoni-Colomba, poi, Vi prego (Roger e Davide) di rispettare la medesima onestà intellettuale del sottoscritto: perché il fatto che per me Colomba sia stato cacciato ingiustamente non preclude che possa analizzare con serena obiettività l'operato del suo successore, che come noto, apprezzo particolarmente dal punto di vista umano, proprio come il Suo predecessore. Tempo due sconfitte Voi due, magari, sarete i primi a voltare le spalle al Vostro amato Donadoni(tanto come avete fatto con Colomba), mentre, magari, io sarò qui a proteggerlo tanto come ho fatto prima con Colomba. Nelle analisi la differenza tra chi fa il giornalista sul serio per vocazione e per lavoro e chi fa il tifoso è proprio l'obiettività e la serenità d'animo. Il muro contro muro di certi coloriti opinionisti non fa per me. Per questo io pur essendo stato contrario all'esonero di Colomba non sono affatto contro Donadoni. Se poi nelle prime 6 gare sotto la guida di Donadoni non c'erano stati – a parere non solo mio, ma anche di altri giornalisti – evidenti passi avanti sul profilo del gioco e della mentalità (risultati a parte) rispetto a chi c'era prima io lo dico con la stessa serenità ed obiettiva con cui avrei ammesso il contrario se si fosse verificato. E che il Parma continuasse ad avere gli stessi problemi che aveva con Colomba fino alla gara col Genoa lo aveva ammesso anche lo stesso Donadoni. Del resto non era colpa sua, come non era colpa di Colomba. Cordialmente Gmajo

  • 5 Marzo 2012 in 11:55
    Permalink

    Egr. Sig. Roger, in merito ai suoi interventi vorrei chiederle in base a quale criterio si permette di attaccare un valido giornalista come Gabriele Majo. Posto che egli non ha bisogno di alcun avvocato difensore in quanto non ha compiuto errori di alcun tipo, vorrei farle notare che prese di posizione come le sue, benchè compiute sotto la spinta di una delusione cocente come quella che ieri ha investito tutti noi, fanno fare solo la figura dell'ignorante, specie se diventano insistenti come sembra che sia nel suo caso. Criticare la condotta di qualsivoglia professionista senza conoscerne i principi fondamentali dell'arte di riferimento significa perdere ogni credibilità. In assoluta sincerità le consiglio di non continuare ad attaccare Majo nei termini con cui lo sta facendo se non vuole farsi compatire ulteriormente. Mi creda: sta facendo la figura del povero ignorante ed è suo interesse cambiare nick o non intervenire più nel forum di Stadiotardini, a meno che non riconosca umilmente il suo errore e chieda perdono a Gabriele Majo il quale, da ottimo cristiano, saprà non solo accoglierla tra i suoi lettori ma anche guidarla nel farsi una corretta idea di quale sua la distinzione tra puro giornalismo e mera opinione da bar. Cordialmente, Parmigiano.

  • 5 Marzo 2012 in 13:05
    Permalink

    MA ……….quaLcuno ci ha fatto caso che il parma da due giornate sta giocando bene???…..ora senza voler difendere colomba e nemmeno g. majo(visto che anch io ero contrario al esonero )senza voler attaccre donadoni…(al quale non imputo alcuna colpa per eventuali sconfitte e che sostengo indipendentemente da tutto)EBBENE ..NON STA GIOCANDO BENE MA STA RIPETENDO ESATTAMENTE LE STESSE PRESTAZIONI OFFERTE NEL FINALE DELLO SCORSO CAMPIONATO SOTTO LA GUIDA DI COLOMBA…CORRE RECUPERA PALLA RIPARTE E SIAFFIDA ALL ESTRO DI GIOVINCO ..SOLO CHE NON VINCE PERCHè NON C è AMAURI…ANZI NON C è UN CENTRAVANTI..PUNTO!!rendetevi conto che avete passato un intere stagione a perdervi in critiche inutili ed infruttuose su:crespo che non gioca,su colomba,e su pellè….senza focalizzare mai..e dico mai il vero problema di questo parma…ovvero la rosa è qualitativamente inadeguata…o meglio è inadeguata per perseguire ulteriori obiettivi che vadano oltre il 12mo posto…chi si è illuso di poter sperare in qualcosa di meglio….ora si faccia un esame di coscienza
    filippo1968

  • 5 Marzo 2012 in 14:14
    Permalink

    Ah si filippo1968? Sei in grado di dire che il Parma ha una rosa da dodicesimo posto? E perché non da decimo o da quattordicesimo? Come lo stabilisci? La verità – senza perdersi in graduatorie che non hanno senso – è che il Parma ha una rosa da salvezza tranquilla, che è poi l'obiettivo che sempre la società ha detto di voler raggiungere non avendo MAI parlato di Europa. Pertanto avere questa rosa che esprime questi valori, caro filippo, non è UN PROBLEMA, come scrivi tu. E' una conseguenza logica della strategia societaria, e quindi va bene così.
    Esiste però una differenza. Se tale rosa è gestita da Colomba (lasciamo stare lo sprint dello scorso anno, fu un fatto casuale come poi si è dimostrato e come dimostra l'intera carriera mediocre dell'ex mister), ti salvi più o meno tranquillamente ma usi sempre gli stessi giocatori, vedi sempre lo stesso modulo, ti diverti poco, non osi mai e, sfruttando sempre e solo i soliti senatori tipo Morrone e Valiani, non crei nessuna alternativa tattica e nessuna base per il futuro, senza contare che mai trasmetterai alla squadra una mentalità vincente. Se invece affidi la squadra a Donadoni, vedi varietà di moduli, recuperi giocatori dati per persi (Musacci, Santacroce, Valdes, Marques), vedi delle sostituzioni fatte come Dio comanda e una squadra che gioca per vincere e di goleade e figuracce non ne subisce più. Poi certo, è squadra solo da salvezza tranquilla, ma è un altro salvarsi e un altro mettere le basi.
    Quindi caro filippo1968, altro che esame di coscienza altrui, ti invito a ragionare e a lasciar perdere la solita tiritera che la rosa è inadeguata e Colomba o Donadoni non fa nessuna differenza. La rosa è adeguata per l'obiettivo stagionale e con Donadoni la musica è cambiata e in meglio e lo sarebbe ancora di più se gli autentici furti subiti non ci avessero tolto 4 o 5 punti. Sono d'accordo con Majo: bisogna difendere Donadoni anche quando perde ed è infatti quel che faccio visto che lo ritengo molto bravo e molto adatto alla nostra piazza. Ma – e qui dissento da Majo – non si può mettere Colomba nello stesso calderone e dire che è bravo uguale. Sarà una brava persona ma ce ne vuole a definirlo altrettanto abile, flessibile, intelligente, motivatore di Donadoni. Eh no, Donadoni è più bravo ed è per questo che la società ha fatto benissimo a esonerare Colomba e a prendere l'ex milanista. Se poi qualcuno vorrà continuare, ad ogni sconfitta di Donadoni, a tirar fuori Colomba (magari strumentalmente: spesso ho la sensazione che si difenda Colomba per attaccare l'attuale società) faccia pure. Col tempo, avrà sempre meno seguito

  • 5 Marzo 2012 in 15:14
    Permalink

    ciao fedele
    ma guarda che quello che dico non è in difesa di colomba o per screditare donadoni,non è mia intenzione stilare una graduatoria tra i 2 la mia è solo un opinione condivisibile o meno….quindi la mia è una constatazione e non una tiritera come la definisci tu ..un opinione appunto come lo è la tua.
    il parma di ieri mi è piaciuto molto,e oggettivamente ieri non si pòteva chiedere di più, sono anche ben conscio che l esigenze societarie come mi fai notare(più che strategie)impongono l ingaggio di questi giocatori e non di altri più titolati quindi migliori e anche più costosi….quindi giudico la squadra in basa ai propi limiti…limiti dovuti a scelte societarie se poi tu ritieni che questo gruppo così allestito possa ambire al 10mo posto va bene buon per te..io dico di no anche perchè chissenefrega di cambiare un allenatore per arrivare dal 12/13mo posto al decimo??MA SCHERZIAMO??CHE OBIETTIVO è???COSA MI CAMBIA??COSA CI SI GUADAGNA??…..voliamo bassi sempre è meglio,perchè non è un eresia dirlo a colomba(la cui carriera in proporzione vanta esoneri quanto quella di donadoni..che è stato ct ma solo per scaldare il posto in attesa del ritorno lippi..) è stata consegnata una squadra "smembrata"di dzemaili e amauri….e cmq ha offerto buone prestazioni come contro l udinese e il genoa in casa e l atalanta pur perdendo …a donadoni è stato dato un parma con un mariga in più in mezzo al campo che fà la differenza….poi lui ha sicuramente il merito di aver registrato la difesa e insistito su musacci…ma per il resto la media punti si differenzia di poco da quella del suo predecessore…tutto questo..non è per criticare donadoni lo scrivo e te lo riscrivo NON lo contesto anzi lo appoggio perchè anche a lui è stata consegnata una squadra senza un finalizzatore….ed è dura fare bene se nessuno segna…..poi sui torti arbitarli sono daccordo con te ma voglio dimenticarmene guaradre avanti e pensare solo alla fiorentina….
    filippo1968

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI