“CARMINA PARMA” / E’ AUTUNNO: PIOVONO I RIGORI…

Crociati bravi ad aprire l’ombrello nella tempesta dei penalty: 5 in 5 giornate!

DSC06307(Luca Savarese) – L’autunno è la stagione della pioggia. Il primo turno infrasettimanale del campionato conferma tutti i suoi sapori: gli studenti fanno in fretta a finire i compiti, le persone fanno presto ad uscire dagli uffici per piazzarsi davanti alla tv, far finta che sia domenica e concentrarsi sulla quinta giornata di campionato. Intanto mogli e fidanzate preparano le prime caldarroste per addolcire i propri partner tra un tempo e l’altro. Questo più o meno il rito dalle case. A Genova piove ma le gocce sono strane, non sono di acqua piovana ma di acqua arbitrale, nascono da repentini  (e generosetti) fischi che freddano ma non rovinano del tutto grazie ad un palo e ad un ottimo Mirante (un plauso ad Antonio, che sui 5 rigori di questo avvio, due ne ha presi e uno, il primo di Borriello di ieri, lo ha fatto suo su ribattuta, la gioia iniziale del gol di Ale Lucarelli che sostituisce la latitanza degli avanti di Donadoni con un golletto dal savoir faire del vero bomber.

Continua la lettura all’interno 

 

 

DSC06269Si sa che, se a Marassi vai in vantaggio (era successo anche lo scorso anno), devi far di tutto per chiudere subito i conti perché i rossoblù genoani, abili gatti, se cadono lo fanno sempre in piedi e senza perdere le vite. Quando ci si trova davanti un ostacolo, la linea più breve tra i due punti, può essere una linea curva. Così la pensava Bertolt Brecht. Già gli ostacoli. Quelli che frenano queste prime sfide dei ragazzi. E le linee curve, quelle invenzioni che li riportano a galla e li lanciano. Prima di tutto ostacoli di natura accidentale, non programmati. Dopo il DSC06272kappao di Palladino contro la Fiorentina sabato, ecco l’infortunio di Belfodil ieri sera: la sorte ci vuole spuntare le punte e menomale che abbiamo un difensore avvezzo a timbrare il cartellino del gol come capitan Lucarelli. Ostacolo numero due: i rigori contro.  Va da sé che lamentarsi per i calci di rigore subiti è un facilissimo esercizio che non dona ne profondità ne spessore alcuno a qualsiasi discussione.  E’ bambinesco dire: mi hanno dato un rigore contro. E tu cosa hai fatto per sistemare le cose? verrebbe da rispondere. DSC06283I rigori ieri sera sono stati però due (stessa cifra per altro concessa a noi contro la viola) una bella sommetta con gli altri tre presi dato che siamo alla quinta giornata e non al giro di boa del torneo.  Oddio non che i rigori siano felici per il mister di Cisano Bergamasca che, nella sua carriera da giocatore prima e da allenatore poi, non sembra proprio aver un buon rapporto con la massima punizione: a Italia 90 sbagliò nella semifinale contro l’Argentina, a Euro 2008 la sua nazionale, si fermò ai quarti contro la Spagna, deragliando ancora dagli undici metri. Forse il penalty non è nel suo dna ma, in questo Parma c’è molto del suo sangue, quando si ha la palla non si improvvisa mai, nel primo tempo tra la testa di Zaccardo, il vantaggio e quel tiro di Amauri, non siamo rimasti a guardare. Il filosofo inglese Bacone parlava di una pars construens  e di una pars destruens. La pars construens di Genoa-Parma è che DSC06289non abbiamo perso, che siamo andati in vantaggio, che alcune buone trame siamo riusciti ad esprimerle. La pars destruens non può consistere solo nei troppi rigori che subiamo, semmai viene da chiederci perchè li prendiamo? Perché riescono ad arrivare lì davanti con troppa facilità: vedi Pandev a Napoli, Borriello ieri, Cassani con la Fiorentina? E il malcapitato e Immobile Ciro troppe volte libero di fare ciò che voleva e, per fortuna che lo ha fatto male. Eppure il centrocampo è a cinque, mica sguarnito, la difesa sta rispondendo presente, forse c’è DSC06256ancora poca convinzione sia quando si difende che quando si offende. Infatti gli ultimi tre gol sono arrivati da Parolo, Valdes e Lucarelli. Cercasi anche gol di chi è chiamato a farli. Sembrava di vedere il Parma di Novara dello scorso autunno, bello, voglioso, ma alla fine sconfitto perché terribilmente poco concreto. Bacone il suo sistema lo elaborò nel Novum Organum pubblicato nel 1620. Tra non moltissimi giri di orologio sarà già Milan, con la speranza che sia davvero un novum organum gialloblù e che la squadra giochi come Roberto quando folleggiava sulla destra con i rossoneri; imprendibile, convinto di spostare le montagne. E speriamo che la pioggia torrenziale dei rigori contro si fermi, e rimanga solo, se proprio deve, quella climatica. Luca Savarese

 

LE PRECEDENTI PUNTATE DI CARMINA PARMA DI LUCA SAVARESE

 

CARMINA PARMA / DENTRO GLI ACUTI DI BELFODIL E ROSI: NASCE UN PARMA BELLO E ROSATO

 

“CARMINA PARMA” / LORO AVRANNO SAN GENNARO, MA SE SOTIRIS NINIS CONVOCA I SUOI AMICI DIVINI, SI SALVI CHI PUO’…

 

CARMINA PARMA / “VA BENE CHE ARRIVA L’AUTUNNO, MA VORREMMO VEDERE UN PARMA PIU’ SOLARE, PROPOSITIVO O SPECULATIVO NON IMPORTA, MA CHE TRASMETTA RAGGI, MESSAGGI DI VITA E NON SEGNALI DI MORTE…”

 

“CARMINA PARMA”– IL RIGORE DA SPARVIERO DEL “PACARITO”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo ““CARMINA PARMA” / E’ AUTUNNO: PIOVONO I RIGORI…

  • 27 Settembre 2012 in 06:59
    Permalink

    Trovo semplicemente deplorevole che gli organi informativi UPI si straccino le vesti in maniera così plateale per un presunto torto arbitrale a tutela del Parma di Ghirardi e non abbiano scritto nemmeno una parola in difesa dei propri diritti professionali calpestati dallo stesso Ghirardi in occasione del suo indecente attacco pubblico contro Gabriele Majo. Dino Pàmpari.

  • 27 Settembre 2012 in 09:57
    Permalink

    Possiamo mettere il pedaggio, lì, agli 11 metri? Tanto con tutta la gente che passa, tiriamo su qualcosa.

  • 27 Settembre 2012 in 12:27
    Permalink

    Ieri sera furto colossale!
    Prestazione a parte, non eccezionale, i 2 rigori sono totalmente inventati!

  • 27 Settembre 2012 in 13:55
    Permalink

    Meno male che c'è Alle Vigatto e Il Plin a sottolineare il furto (altro che "presunto" torto arbitrale, egregio Dino. Poi un giorno mi spiegherà come si fa a paragonare una polemica tra un giornalista e un presidente di una squadra di calcio con i danni arbitrali subiti a Marassi)subito ieri. Altrimenti leggendo l'assenza di commenti sembrava che ieri a Genova non fosse successo nulla.
    Molti dei lettori di questo blog sono molto solleciti a postare quando si tratta di far polemica con squadra e società. Quando si tratta di difenderla o anche solo di dispiacersi per un torto subito, mutismo. Adesso vado sul sito della GdP, sarà un accolita di manovrati dai poteri forti ma almeno la legge anche qualche tifoso del Parma…

  • 27 Settembre 2012 in 14:12
    Permalink

    Gentile Pericle, come sto argomentando nella consueta articolessa in corso di produzione, il vittimismo in materia arbitrale non porta da nessuna parte. Specie se sei il Parma. Ergo si sfoghi pure qui o sulla GdP o dove meglio crede – come sono liberissimi di farlo, con decenza, gli altri utenti del nostro "servizio" – ma non pensi che contro il Milan le regalino due rigori solo perché lei si straccia le vesti. O peggio ancora se dovessero farlo, in modo sguaiato, i vertici della società.
    Piuttosto si fa esercizio di crescita se si analizzano i propri limiti.
    Cordialmente
    Gmajo

  • 27 Settembre 2012 in 14:41
    Permalink

    Davvero, caro Pericle, lei non coglie il nesso che esiste tra le due cose? Proverò allora a farglielo notare io, sperando che lei realmente se lo sia lasciato sfuggire pur essendo un legame per niente sottile e che la sua non sia una svista voluta: nel suo recente attacco contro Majo infatti il presidente Ghirardi ha colpito a tradimento tutta la categoria dei giornalisti, come appropriatamente il Presidente Regionale dell'Ordine dei Giornalisti ha prontamente stigmatizzato con il suo comunicato ufficiale. A tale negazione dello svolgimento del proprio diritto professionale né la Gazzetta di Parma né TV Parma hanno opposto alcuna reazione, consumando in questo modo, ancor prima che una grave mancanza nei confronti di un proprio rispettabile Collega, un enorme torto verso sé stessi: omettere di difendere uno dei valori per cui si sposa una professione esprime infatti quanto meno la mancanza di dignità, che diventa addirittura servilismo disdicevole se all'assenza di reazione verso l'oppressore si aggiunge una chiassosa protesta in sua difesa, com'è avvenuto appunto stamattina nella prima pagina del principale quotidiano locale. Cordialmente, Dino Pàmpari.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI